Animali esotici: procioni

I procioni ospitati al CentroNel 1996 è entrato in vigore il Decreto del Ministero dell’Ambiente (lista dei cosiddetti “animali pericolosi”) che elenca tutte le specie che possono costituire un pericolo per la salute e l’incolumità pubblica e per le quali è proibito il commercio; tra queste specie è stato inserito anche il procione (Procion lotor), anche conosciuto come orsetto lavatore, come possibile veicolo della rabbia, nota patologia molto pericolosa per l’uomo.

Fino a quel momento il procione era stato liberamente importato e venduto anche in Italia e tante famiglie lo avevano scelto come animale d’affezione.

In seguito all’uscita del Decreto Ministeriale molti sono stati i privati cittadini che non si sono messi in regola denunciando il possesso del proprio animale alle Prefetture. Inoltre, molti di coloro che avevano deciso di acquistarne uno, poco sapevano della loro indole, ignoravano le loro esigenze e per questi motivi spesso i procioni detenuti in cattività sono scappati o sono stati incautamente abbandonati nel nostro ambiente contribuendo a creare quello che oggi sta diventando un problema sempre più rilevante: il procione è un animale estremamente adattabile e “opportunista” e, pur non essendo il nostro il suo habitat naturale, si è perfettamente adattato e riprodotto tanto da essere ormai considerato una specie alloctona.

Questo accade soprattutto a nord del fiume Po, in particolare nella regione Lombardia, dove ormai da diversi anni sono stati avvistati numerosi esemplari allo stato selvatico; come accade per le altre specie alloctone (scoiattolo grigio, nutria, tartaruga californiana “dalle guance rosse”, ecc…), anche la presenza di questi animali sul territorio rappresenta un serio danno all’equilibrio del nostro ecosistema.

Negli anni il Centro ha ospitato diversi esemplari di procione per lo più trovati abbandonati sul territorio e, in altri casi, sequestrati dal Corpo Forestale dello Stato a chi li deteneva senza la necessaria regolarizzazione.

Ad oggi ne ospitiamo 12 esemplari provenienti dal Nord Italia e dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

Aiutaci con una donazione

  • La storia di Lupin

    Lupin è l’ultimo procione arrivato al Centro in data 10 luglio 2013. E’ stato trovato libero all’interno del Parco Naturale dei Lagoni di Mercurago (NO) dove i guardiaparco della zona si sono prodigati per riuscire ad…
  • La storia di Portos, Aramis e Margot

    Portos, Aramis e Margot sono stati trovati senza la madre, a maggio del 2013, da un agricoltore della Provincia di Milano, nel fienile della sua cascina; erano appena nati e il cittadino a chiesto aiuto all’Enpa di Milano che ha provveduto a trovare loro…
  • La storia di Kimi, Koko, Sheldon e Leonard

    Kimi, Koko, Sheldon e Leonard sono stati catturati a Cassano d'Adda, in provincia di Milano, dal Corpo della Polizia Provinciale e sono giunti al Centro il 24 giugno del 2009 a seguito di sequestro verso ignoti, all'età di circa 6 mesi. Si…

In evidenza

  • ECCO IL CALENDARIO 2017!

    VUOI “TRASCORRERE” IL 2017 CON GLI ANIMALI DI MONTE ADONE? Non devi fare altro che prenotare la…

  • LA STORIA DELLA LUPA AGATA

    Agata è una giovane lupa ritrovata allo stremo delle forze all'interno di un fienile sull'Appennino Tosco Emiliano.…

  • IL LUPO CONNOR TORNA IN LIBERTA'!

    Vi ricordate di Connor, il giovane lupo investito lo scorso dicembre sulle colline bolognesi? Dopo poco più di un…

News e novità

» Tutte le novità

Il Centro su Facebook!
All'interno di questo spazio virtuale vengono pubblicate foto e notizie relative al Centro ed ai suoi ospiti.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sul Centro e sui suoi ospiti

Iscriviti ora!

Donaci il tuo 5 x 1000

Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica Monte Adone

Via Brento, 9 - 40037 Sasso Marconi (BO) Italia

Tel - Fax: +39-051-847600

Email:

C.F. 01608451207 - Associazione ONLUS