ALBERTA, LA LUPA IBRIDA DI ISERNIA INIZIA LA SUA NUOVA VITA A MONTE ADONE

Martedì, 31 Maggio 2016

Lupa Alberta al suo arrivo a Monte Adone (foto di Andrea Dalpian)

Finalmente nel primo pomeriggio del 31 maggio 2016, Alberta, la giovane lupa ibrida che era detenuta da 15 mesi al canile di Isernia, è stata trasferita presso il nostro Centro.
Con le immagini di Alberta che esplora incredula il suo nuovo recinto di ambientamento, ci teniamo a ringraziare tutti coloro che, a diverso titolo, hanno avuto un ruolo attivo in questa triste e complessa vicenda; sono trascorsi 15 mesi dall’ultima volta in cui Alberta ha potuto sentire la terra sotto le zampe e ha potuto annusare l’erba. 15 mesi interminabili per un animale che porta con sé parte del patrimonio genetico del cane, ma che non fa di lei un animale domestico.
Messi a conoscenza a fine aprile di questa articolata vicenda dall’opinione pubblica, abbiamo dato la nostra disponibilità ad accogliere l’esemplare all’inizio di maggio; in seguito, il Presidente della Provincia di Isernia, il Presidente e l’Assessore all'Ambiente della Regione Molise, in collaborazione con l’ASREM, si sono attivati in tempi rapidi affinché l’animale venisse trasferito il prima possibile e la Regione Molise, a seguito del parere di ISPRA, oltre ad aver scelto e nulla ostato per il trasferimento presso il nostro Centro, si è formalmente impegnata a garantire un contributo forfettario al mantenimento di Alberta.
L’interessamento per Alberta è arrivato da più fronti, numerose sono state infatti le associazioni animaliste che si sono mosse per lei, così come privati cittadini e alcuni esponenti del mondo politico. Riteniamo che la triste vicenda di questa lupa debba segnare un decisivo cambio di passo nella complicata questione della gestione degli individui ibridi in Italia e creare precise procedure affinché non possa più accadere che un ibrido venga “dimenticato” in un canile.
Come Centro collaboriamo fattivamente con il Wolf Apennine Center e riteniamo che un buon esempio di gestione possa essere proprio l’approccio a questi animali contemplato all’interno nel Progetto Life M.I.R.CO lupo, un progetto europeo che mira a ridurre l’impatto del randagismo canino sulla conservazione del lupo, occupandosi in particolare della gestione degli ibridi catturati o rinvenuti feriti, prevedendo la loro sterilizzazione e il rilascio in natura.

Siamo davvero felici di aver offerto questa possibilità ad Alberta che, nonostante il lungo viaggio, al suo arrivo si è mostrata molto tranquilla e incuriosita dal nuovo ambiente; ha annusato tutto il nuovo spazio, non ha tardato molto ad entrare nella tana scavata nella terra e dalle telecamere di sorveglianza l’abbiamo vista correre e giocare serena. All’interno dell’area dedicata alla riabilitazione dei lupi Just Freedom (completata nell’estate 2014 anche grazie al contributo di Almo Nature), Alberta è al momento ospitata in un ampio recinto immerso nel bosco, confinante con un altro spazio che ospita altri due giovani individui ibridi, Ares e Lara. La socialità è fondamentale per il benessere dei lupi e, proprio per questo, dopo un adeguato periodo di adattamento, Alberta sarà inserita con loro.

I progetti del Centro non si fermano e visti gli ultimi nuovi arrivi abbiamo deciso di realizzare un nuovo recinto per i lupi ospitati, collegato a quelli già esistenti. Ogni aiuto per noi è davvero prezioso, sostieni anche tu il Progetto Lupo Monte Adone!

AGGIORNAMENTO 8 GIUGNO 2016

E' trascorsa una settimana dall'arrivo della lupa Alberta a Monte Adone. Tutto sta procedendo per il meglio; Alberta non mostra segni di stress ma al contrario è molto rilassata e si gode il suo nuovo spazio. Sin da subito ha dimostrato grande interesse per gli altri due lupi ibridi che vivono nel recinto accanto al suo, con i quali ha iniziato a interagire sempre più frequentemente.
Siamo davvero felici di condividere con voi queste immagini uniche di Andrea Dalpian nel video realizzato in collaborazione con Popcult Docs!

Ecco il video!

Altre immagini

  • Alberta, la giovane ibrida si gode l'erba del suo nuovo recinto (foto di Andrea Dalpian)
  • Alberta, esplora il suo nuovo recinto (foto di Andrea Dalpian)

Aiutaci con una donazione

In evidenza

News e novità

» Tutte le novità

Il Centro su Facebook!
All'interno di questo spazio virtuale vengono pubblicate foto e notizie relative al Centro ed ai suoi ospiti.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sul Centro e sui suoi ospiti

Iscriviti ora!

Donaci il tuo 5 x 1000

Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica Monte Adone

Via Brento, 9 - 40037 Sasso Marconi (BO) Italia

Tel: +39-051-847600

Email:

C.F. 01608451207 - Associazione ONLUS