La storia di Yuri

Yuri, salvato dalla vivisezioneYuri, un esemplare di Macaco mangiagranchi, è giunto al Centro il 1° agosto 2012, giorno nel quale è stato ottenuto un importante risultato nella lotta alla vivisezione.

Un laboratorio universitario che sperimenta su macachi della specie fascicularis (Macaco mangia granchi), grazie anche alle pressioni dell’amministrazione comunale, ha accettato di cedere al nostro Centro un primo esemplare di circa un anno.

La sottoscrizione di un accordo con il laboratorio prevede, oltre alla cessione a titolo gratuito dell’animale, un impegno formale del laboratorio stesso a bloccare nuovi ingressi di primati nello stabulario, dando così inizio a una riduzione del numero di macachi impiegati per la ricerca.

Si spera che questo possa essere il primo importante passo verso la chiusura definitiva di questa linea di ricerca, invasiva a tal punto da richiedere l’eutanasia a conclusione della sperimentazione. Yuri, al momento della sua cessione, non era mai stato utilizzato per le sperimentazioni ed è stato quindi a tutti gli effetti salvato da un destino segnato.

Yuri, salvato dalla vivisezioneDel tutto consapevoli che un esemplare, su circa una quindicina di primati ancora prigionieri della struttura, rappresenta solo l’inizio di una lunga battaglia, speriamo che Yuri, con la sua storia, possa rappresentare un aiuto concreto per salvare non solo tutti gli altri primati presenti nello stabulario da cui proviene, ma anche essere il portavoce per una maggiore e più adeguata informazione rispetto alla lotta per la conclusione della vivisezione.

Yuri, del tutto spaesato al suo arrivo al Centro, si è molto presto dimostrato piuttosto curioso e interessato al nuovo ambiente; inizialmente, come da protocollo, è stato sottoposto ai controlli sanitari di routine e, in attesa degli esiti, alloggiato singolarmente in una struttura dotata di un ricovero, di un’amaca e di numerosi tronchi e funi.

Già dalle prime osservazioni si è evinta la presenza di un importante deficit motorio derivante dalla pregressa scarsa possibilità di movimento; Yuri, infatti, presentava muscoli esili e poco allenati che non gli consentivano di arrampicarsi sulle funi e sui tronchi per raggiungere la parte alta della struttura.

Yuri e GhirdaGrazie ai quotidiani arricchimenti ludico-alimentari e ad un alloggiamento consono ai bisogni della sua specie che hanno contribuito ad incrementare notevolmente la motilità, la deambulazione e le frequenze di attività di Yuri riducendo al minimo i momenti di inattività, tipici di un’inadeguata gestione in cattività, siamo riusciti, nel mese di settembre ’12, a cominciare un percorso di adattamento graduale con Ghirda, che da sempre ha dimostrato un forte senso materno e ha accettato subito Yuri, con l’obiettivo di migliorare anche le condizioni psicologiche dell’animale.

Oggi i due primati condividono con successo la stessa struttura.

Soprattutto in considerazione della triste storia di Yuri e Ghirda, il risultato raggiunto è davvero significativo; i primati sono specie altamente sociali che vivono in gruppi numerosi, all’interno dei quali i piccoli rimangono a lungo con la madre e in cui le interazioni sono molto complesse e rappresentano la base di un corretto sviluppo anche dal punto di vista comportamentale.

Ricordiamo infatti che i primati privati della loro socialità sviluppano con frequenza gravi comportamenti atipici e stereotipati che possono arrivare perfino all’automutilazione.

Aiutaci con una donazione

In evidenza

  • LA STORIA DELLA LUPA AGATA

    Agata è una giovane lupa ritrovata allo stremo delle forze all'interno di un fienile sull'Appennino Tosco Emiliano.…

  • IL LUPO CONNOR TORNA IN LIBERTA'!

    Vi ricordate di Connor, il giovane lupo investito lo scorso dicembre sulle colline bolognesi? Dopo poco più di un…

  • AIUTACI AD AIUTARLI ...

    Da oltre 28 anni siamo operativi ogni giorno per il soccorso, la cura e la riabilitazione della fauna selvatica autoctona…

News e novità

» Tutte le novità

Il Centro su Facebook!
All'interno di questo spazio virtuale vengono pubblicate foto e notizie relative al Centro ed ai suoi ospiti.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sul Centro e sui suoi ospiti

Iscriviti ora!

Donaci il tuo 5 x 1000

Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica Monte Adone

Via Brento, 9 - 40037 Sasso Marconi (BO) Italia

Tel - Fax: +39-051-847600

Email:

C.F. 01608451207 - Associazione ONLUS