STORIA DEL LUPO LEON. UNA NUOVA SFIDA PER IL CENTRO

Il lupo Léon al momento del suo ritrovamento nel campo vicino alla strada

Giovedì 3 dicembre 2015 siamo stati contattati dalla Polizia Provinciale di Imola per il recupero di un lupo ferito, sulla via Montanara in località Ponticelli.

La Polizia Provinciale, infatti, era stata allertata dal cittadino che aveva investito l’animale la sera precedente; dopo l’impatto purtroppo il lupo era fuggito ma, grazie alla segnalazione, la Polizia Provinciale, coadiuvata da alcune guardie volontarie, è riuscita a ritrovare il lupo nel campo vicino al luogo dell’incidente.

Insieme a uno dei nostri veterinari ci siamo recati sul posto dove ci attendevano diverse persone, la Polizia Provinciale e il veterinario dell’Ausl; valutata la situazione, per evitare ulteriore stress all’animale, abbiamo deciso di intervenire sedandolo con il fucile narcotizzante.

Nonostante il forte stress, le condizioni generali del lupo, un giovane di quest’anno (circa 8 mesi), erano stabili e dalla primissima visita effettuata sul posto si sono purtroppo evidenziate diverse fratture.

Il lupo è stato portato subito al Centro, dove le radiografie hanno mostrato tre fratture del bacino e una brutta frattura del ginocchio della zampa posteriore sinistra. Poiché le condizioni generali dell’animale erano stabili, insieme ai veterinari abbiamo deciso che fosse prioritario intervenire sulla frattura del ginocchio per evitare aggravamenti.

Siamo quindi partiti la sera stessa verso l’Ospedale Veterinario San Michele dove il lupo è stato sottoposto ad un delicato intervento ortopedico.
Si è scelto invece di non intervenire sul bacino, poiché in casi analoghi l’esperienza ci ha insegnato che l’incredibile capacità di recupero di questi animali li porta a guarire molto velocemente evitando chirurgie piuttosto invasive.
Tutto è andato bene e sin da subito questo lupo, un grosso esemplare di 27 kg, ha mostrato una grande tempra… ed è questo che ci ha fatto decidere di chiamarlo Léon.

Léon è stato ricoverato al Centro all’interno della nuova area di riabilitazione per i lupi “Just Freedom”, realizzata nell’estate 2014 anche grazie alla preziosa donazione di Almo Nature.

Questa prima settimana trascorsa al Centro è stata molto delicata per lui: sono state stabilite diverse cure e terapie e per non compromettere l’intervento, grazie alle telecamere di videosorveglianza, è stato monitorato giorno e notte.

Nonostante un gesso che gli blocca e sostiene l’arto posteriore, Léon sta accettando di buon grado la cattività e migliora giorno dopo giorno.
Quella di Léon è una nuova sfida per tutti noi del Centro che ci stiamo impegnando affinché anche questo lupo possa tornare quanto prima in libertà.

E la sua storia ci insegna ancora una volta come sia importante la collaborazione tra enti e cittadini e come sia davvero fondamentale, oltre che un atto civile e dovuto, fermarsi quando si trova o se si investe un animale.

Vi terremo aggiornati!

AGGIORNAMENTO DEL 14 DICEMBRE 2015:

Il 14 dicembre è stata una giornata importante per Léon: è stato fatto il primo controllo radiografico e insieme ai veterinari abbiamo deciso di togliere il gesso.
Léon ha apprezzato molto questa scelta e - come si può vedere dall'immagine tratta dalla videocamera di sorveglianza - si è subito rilassato nel suo box di degenza; questo lupo ha un'indole piuttosto tranquilla, sta infatti accettando la cattività senza mostrare particolare segni di stress.

Questo chiaramente è favorito anche dall'isolamento del luogo in cui sorge la struttura di riabilitazione e dal minimo contatto con l’uomo che permette agli animali di affrontare questo periodo per loro così delicato nel massimo della tranquillità e nel totale rispetto della loro natura selvatica.
Continuate a seguire la storia di Léon!

AGGIORNAMENTO DEL 22 DICEMBRE 2015:

Sono passati 19 giorni dal suo recupero e il lupo Léon sta migliorando velocemente!
Le immagini parlano da sole... Léon è molto tranquillo e si gode il riposo forzato "spiato" dalle nostre indiscrete telecamere di sorveglianza.(Guarda il video su Facebook!)

Come Centro uno degli aspetti a cui poniamo più attenzione è il benessere degli animali... cerchiamo infatti di far si che durante la loro degenza anche gli animali selvatici possano risentire il meno possibile dello stress legato alla cattività necessaria per le loro cure.....

AGGIORNAMENTO DEL 2 FEBBRAIO 2016:

Le ultime radiografie effettuate l’8 gennaio hanno mostrato una completa guarigione di tutte le fratture del lupo Léon; i suoi movimenti in uno spazio più ampio e i suoi comportamenti schivi ed elusivi tipici della specie hanno fatto comprendere che era pronto per essere rilasciato, così, in una serata di metà gennaio, il lupo Léon, dopo poco più di un mese dal suo soccorso, è tornato libero!

Grazie ad un radiocollare GPS-GSM dotato di meccanismo drop off (sganciamento automatico), Léon verrà monitorato dal Wolf Apennine Center, con cui il Centro ha in essere una fattiva collaborazione; il radiocollare, unito al prezioso lavoro dei tecnici del Parco, permetterà di seguire gli spostamenti del lupo, di documentare la sua capacità di reinserirsi nell’eventuale branco di appartenenza e le eventuali rotte di dispersione.
Quello di Léon è per il Centro un grande traguardo che ancora una volta ci parla della straordinaria capacità di recupero di questi predatori e di come un costante lavoro di squadra possa portare ad ottenere risultati incredibili.

Guarda il video della sua liberazione!

Altre immagini

  • Rudi Berti, il direttore del Centro, con il fucile narcotizzante seda il lupo Léon
  • Il lupo Léon sedato, al momento del suo recupero
  • Il lupo Léon viene recuperato e messo nella gabbia di trasporto
  • Il lupo Léon al momento del suo ricovero dentro la struttura Just Freedom. Si vede chiaramente il pelo completamente ricoperto di terra
  • Il lupo Léon all'Ospedale Veterinario San Michele (LO) durante i primi accertamenti
  • Il Dr. Daniele ZahirpourIl mentre opera il ginocchio del lupo Léon presso l'Ospedale Veterinario San Michele (LO)
  • Il lupo Léon dopo l'intervento, ancora sedato
  • Il lupo Léon viene tenuto monitorato dopo l'intervento chirurgico
  • Lo sguardo magnetico del lupo Léon
  • Il lupo Léon durante il trasporto verso il Centro
  • La radiografia del bacino del lupo Léon
  • La radiografia del ginocchio del lupo Léon
  • La radiografia del ginocchio del lupo Léon dopo l'intervento chirurgico
  • Leòn senza il gesso - Immagine tratta dalla videocamera di sorveglianza
  • Il momento del rilascio del lupo Léon
  • I primi istanti di libertà!
  • Il lupo Léon finalmente corre libero!

Aiutaci con una donazione

In evidenza

  • LA STORIA DELLA LUPA AGATA

    Agata è una giovane lupa ritrovata allo stremo delle forze all'interno di un fienile sull'Appennino Tosco Emiliano.…

  • IL LUPO CONNOR TORNA IN LIBERTA'!

    Vi ricordate di Connor, il giovane lupo investito lo scorso dicembre sulle colline bolognesi? Dopo poco più di un…

  • AIUTACI AD AIUTARLI ...

    Da oltre 28 anni siamo operativi ogni giorno per il soccorso, la cura e la riabilitazione della fauna selvatica autoctona…

News e novità

» Tutte le novità

Il Centro su Facebook!
All'interno di questo spazio virtuale vengono pubblicate foto e notizie relative al Centro ed ai suoi ospiti.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sul Centro e sui suoi ospiti

Iscriviti ora!

Donaci il tuo 5 x 1000

Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica Monte Adone

Via Brento, 9 - 40037 Sasso Marconi (BO) Italia

Tel - Fax: +39-051-847600

Email:

C.F. 01608451207 - Associazione ONLUS