Progetto Grandi Felini

La nostra esperienza con gli animali esotici nasce proprio con l'arrivo di un cucciolo di leone sequestrato ad un fotografo "di spiaggia" alla fine degli anni ottanta.

Il Centro attualmente ospita 10 grandi felini affidati alle nostre cure a seguito di sequestro per detenzione illecita, maltrattamento o abbandono:

  • 5 Tigri del Bengala (Panthera tigris)
  • 4 Leoni (Panthera leo)
  • 1 Lince europea (Lynx lynx).

Lo sviluppo del PROGETTO GRANDI FELINI prevede la realizzazione di nuove strutture d’accoglienza e l’ampliamento delle aree esistenti affinché rispettino appieno le esigenze psico-fisiche delle diverse specie ospitate; prevede inoltre lo sviluppo di progetti di ricerca comportamentale volti al monitoraggio e al miglioramento delle condizioni di cattività.

La prima fase del progetto ha visto concludersi, nella primavera 2006, la nuova struttura per le prime tre tigri del Bengala ospitate. La struttura è molto spaziosa: è realizzata su un fondo in terra e al suo interno vi sono diversi alberi e una grande vasca d’acqua.

Nello stesso periodo sono stati terminati i lavori di ristrutturazione e i nuovi arricchimenti della vecchia area delle 3 tigri e questa, nel mese di giugno, è stata preziosa per risolvere una situazione di emergenza che coinvolgeva due tigri detenute da un circo italiano e poste sotto sequestro dal Corpo Forestale dello Stato.

Nel mese di maggio 2011 è stata completata una nuova struttura per i leoni: 800 mq, suddivisi in due aree, ciascuna delle quali dotate di numerosi arricchimenti ambientali e ludici (grossi tronchi sui quali i felini amano consumare il cibo, alberi ad alto fusto per avere sempre ombra a disposizione, casette coibentate per trovare riparo dal caldo e dal freddo, ecc ecc...)

Gli animali esotici, purtroppo, nella maggioranza dei casi non possono essere reintrodotti in natura sia per la mancanza di adeguati centri di accoglienza nei luoghi di origine, sia per cause legate allo stretto legame che questi animali hanno avuto con l'uomo, sia infine per motivi sanitari. Il Centro, che si propone quando possibile di essere una struttura di accoglienza temporanea, si trova quindi a dover ospitare gli animali in via definitiva.

Da qui la necessità di un continuo rinnovamento ed ampliamento delle strutture che devono necessariamente rispettare requisiti di solidità e sicurezza tali per cui i costi di realizzazione e manutenzione diventano davvero elevati.

A questi si aggiungono i costi per il mantenimento (una tigre adulta mangia circa 7 kg. di carne al giorno) e per le cure veterinarie, necessarie nella maggioranza dei casi viste le precarie condizioni di salute degli animali al loro arrivo.

Aiutaci con una donazione

In evidenza

  • ECCO IL CALENDARIO 2017!

    VUOI “TRASCORRERE” IL 2017 CON GLI ANIMALI DI MONTE ADONE? Non devi fare altro che prenotare la…

  • LA STORIA DELLA LUPA AGATA

    Agata è una giovane lupa ritrovata allo stremo delle forze all'interno di un fienile sull'Appennino Tosco Emiliano.…

  • IL LUPO CONNOR TORNA IN LIBERTA'!

    Vi ricordate di Connor, il giovane lupo investito lo scorso dicembre sulle colline bolognesi? Dopo poco più di un…

News e novità

» Tutte le novità

Il Centro su Facebook!
All'interno di questo spazio virtuale vengono pubblicate foto e notizie relative al Centro ed ai suoi ospiti.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sul Centro e sui suoi ospiti

Iscriviti ora!

Donaci il tuo 5 x 1000

Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica Monte Adone

Via Brento, 9 - 40037 Sasso Marconi (BO) Italia

Tel - Fax: +39-051-847600

Email:

C.F. 01608451207 - Associazione ONLUS